ROBERT PATTINSON_FANSPAGE BLOG

EW Scans: Nuovo photoshoot + nuove stills di BD + MERAVIGLIOSA INTERVISTA! – ITA&ENG / EW Scans: New photoshoot pics + new BD stills + AMAZING INTERVIEW! – ITA&ENG

EW PHOTOSHOOTBD STILLS (EW)EW SCANS (HQ)

imagebam.com

VERSIONE ITALIANA / ITALIAN VERSION

Traduzione italiana di Sara robpattzlovers & Viviana

La fine ha inizio

“Ragazzi”, dice Kristen Stewart. “C’era qualcosa di così sensazionale a riguardo”.

Un’ora fa, la Stewart, Taylor Lautner e Robert Pattinson – altrimenti noti come le stelle della Saga di Twilight – hanno immortalato nel cemento le loro impronte al di fuori del Chinese Theatre di Hollywood. Ancora stordita, con i palmi delle mani macchiati con un debole grigio, la ventunenne attrice, racconta alle sue co-star per un momento su come si sentiva quando, proprio dopo aver lasciato le sue impronte per i posteri, lei impulsivamente ha afferrato le mani di Lautner e di Pattinson. “Il cemento era così granuloso e non l’ho nemmeno guardato, ma ho subito cercato le vostre mani e subito ho capito che tutto aveva senso”, dice. I ragazzi di cui lei sta parlando, essendo ragazzi, scoppiano in una risata. La Stewart li guarda con finta rabbia: “Sapete una cosa cosa? Vaffanculo! Visto che ridete di me “.

Pattinson, 25, sorride e la prende in giro per come era tutta composta durante la cerimonia. “Ho notato che facevi la ‘splendida’, prima”, dice. “Tutti avranno pensato, ‘Kristen Stewart è così imbarazzata.’ E tu eri invece tipo, la piccola Miss Splendore del giorno.”

Continue…[ITA&ENG + Scans]

Non si tratta solo della Stewart che è cresciuta. Breaking Dawn – Parte 1 (rating PG-13, nelle sale dal 18 novembre) è il penultimo capitolo tratto dalla saga di Stephenie Meyer, – best-seller – e approfondisce alcune cose sorprendenti. (Sì, sì; avviso spoiler). Nel film, diretto da Bill Condon (Dream Girls), i fan potranno vedere i loro casti eroi, Bella ed Edward che si sposano (!) E, infine, fanno sesso (!!), ma cio comporta la gravidanza di Bella, di un mezzo vampiro che mette la sua vita in pericolo. La nascita sarà una scena cruenta che non vi resta che vederla per credere. Ora che la produzione di entrambi i film (la parte 2 sarà nei cinema nel novembre del 2012) ha concluso i lavori, gli attori hanno ciascuno ufficialmente iniziato la loro carriera post-Twilight. Lautner, 19 anni, protagonista di Abduction all’inizio di questo autunno; Pattinson recentemente coinvolto in Cosmopolis, e la Stewart si trova impegnata nelle riprese di Biancaneve e il cacciatore, che uscirà la prossima estate, recitando con Charlize Theron e Chris Hemsworth. Il trio – implacabile nei loro affettuosi scherni – ha parlato con EW bevendo un caffè e mangiando pasticcini, a Los Angeles.

  • Che cosa ha portato Bill Condon alla saga, come regista?

Kristen Stewart: penso che potrete sentire il suo cuore. Sinceramente. È così facile essere influenzati dal cinismo e dal tralasciare parecchi momenti sentimentali. Questi momenti sentimentali erano gia stati tagliati in precedenza – ho sicuramente avuto questa esperienza sul set di Twilight e lui ha detto –  “Oh, ma era così dolce”. Ha tenuto tutto dentro a questo film, ha davvero mantenuto la storia d’amore. Penso che abbiamo perso la storia d’amore un pochino nel passato, e ora si percepisce realmente di nuovo.

  • Avete visto il film finito ora. Siete delusi da tutto quello che hanno tagliato?

Taylor Lautner: la scena del parto, di sicuro.

Robert Pattinson: Sì, la scena del parto – e la scena di sesso.

Stewart: Entrambe le cose. Volevo vedere di più di entrambi.

Pattinson: Inoltre, abbiamo visto altre versioni di quelle scene che erano…

Stewart: Migliori.

  • Ha avuto un rating PG-13, è stato un problema.

Pattinson: Limita semplicemente le cose, come gli angoli di ripresa. Inoltre non ha permesso di mettere le parti, nella scena della nascita, in cui Bella urla per il dolore.

Stewart: Questo è quello che mi ha veramente deluso – e ho parlato con Bill. Mi ha fatto interpretare la scena in modo più soft o qualcosa del genere, con meno energia, e mi ha spiegato che per lui è stato più facile così per poter raccontare la storia. Ma nel libro, Bella urlava, ‘NOOOO “[la Stewart urla per far capire la cosa] Ho fatto così – sembravo tipo una pazza e/o L’esorcista. Ero uno strano mix, stavo per diventare la mamma più selvaggia che si possa immaginare e anche una grande combattente per tenermi in vita. Voglio dire, ero una pazza. Ero una pazza assoluta.

Pattinson: Tutti si dannavano prima che la facessimo [la scena della nascita] perché era molto importante. Ma credo che tutti e tre ci siamo sentiti come se fosse stato un grande giorno. Visto che abbiamo fatto una scena lunga cinque o sei minuti e abbiamo percepito di aver dato il massimo in ogni singolo secondo…

Lautner: Mi piace ancora la scena del parto. So che è frustrante che alcune cose non sono lì.

Stewart: Sì, io anche la amo ancora.

  • Avete visto una qualsiasi clip della scena d’amore prima che fossero tagliate?

Pattinson: Non c’è una versione in cui è stata davvero intensa.

Stewart: Nel libro, non si vede il sesso realmente, ma se ne parla dopo, ed è intenso come l’inferno. [A proposito delle riprese della scena] E’ una esperienza che non abbiamo vissuto in pieno perché è stata girata in modo molto frammentato. Abbiamo fatto poco singole inquadrature del suo volto, la mia faccia, le mani. Cinematograficamente, tagliare tutto insieme, è impressionante. Mi piace molto, ma non abbiamo davvero girato quella scena.

Pattinson: E quando l’abbiamo fatto continuavano a dirci di smettere. [Ride]

Stewart: Lo so! Bill è corso da noi a dire, “Stop con le spinte!” [Ride] … voglio dire, in realtà non volevo fare sesso con lui sul set, ma ….

Pattinson: Perché no? [Ride] Si sono viste tutto il tempo le mie spinte. Le mie spinte non le hanno messe nelle restizioni? Si vedono le mie spinte tutto il tempo.

Stewart: No, no è vero, hanno oscurato o qualcosa del genere.

Lautner: L’hanno ridotto, o penso che hanno cancellato le spinte.

Pattinson: E ‘stata davvero colpa di Kristen se il film ha subito restrizioni (R-rated). [Dice alla Stewart] La tua fantasia nei movimenti – nessuno ha mai visto cose del genere in un film PG-13! [Ride] La questione delle restrizioni, è tutto sui rumori che vengono fatti.

Stewart: Come se la sua spinta coincidesse con la mia ohhhh – questo non va bene.

Pattinson: se una scena di sesso è valutata R, la prima cosa da fare è togliere i suoni e mettere la musica su di essa. Stessa cosa se c’è una scena dell’orrore, non fai sentire le urla.

Lautner: O in una scena d’azione, se stai prendendo a pugni in faccia qualcuno bisogna evitare l’effetto sonoro del pugno durante il contatto.

Stewart: Il pugno in faccia che ho dato a Chris Hemsworth la scorsa settimana [durante le riprese di Biancaneve e il cacciatore]. Gli ho fatto un occhio nero.

Lautner: Cosa? Sul serio? Dovevi?

Stewart: Avrei dovuto mancarlo.

  • Non avevi mai fatto a nessuno un occhio nero prima?

Stewart: No. E devo dire che, per chiunque sia mai stato in quella situazione, come una ragazza, pensi che non stai andando a fare una cosa del genere –  e poi, ca**o in realtà qualcosa l’hai fatta.

Lautner: [Ride] Wow.

Stewart: Sì! Era in piedi su di me, in “modalità cacciatore”, e sono andata subito a colpirlo. Mi sono girata. E gli ho dato un pugno in pieno viso! E poi ho cominciato a piangere. Mi sentivo orribile.

Lautner: Mi prendi in giro? So che ti senti orribile in quel momento, ma poi non ti sei sentita meglio?

Stewart: Mi sentivo bene ripensando al modo in cui ho conosciuto questa tecnica, [ fa gesti, per il pugno], ora so che funziona. Posso picchiare Chris Hemsworth. Posso far girare quell’uomo come voglio! Ed io non ho usato tutta la forza che ho, in quel momento [Pattinson e Lautner ridono].

Lautner: Ho fatto la stessa cosa in Abduction.

Stewart: Hai colpito qualcuno?

Lautner: Già. Uscì, però. [Per Pattinson] In realtà è stato il ragazzo che interpretava tuo padre in Come l’Acqua per gli Elefanti.

Pattinson: Oh mio Dio!

Stewart: Lo hai messo al tappeto?

Lautner: Sì! Ed è enorme. E ‘stato solo per una frazione di secondo. E’ stata una di quelle cose dell’ultimo minuto, mi è arrivato uno stuntman e mi dice: “Taylor, è necessario estendere di più -. Ilia [Volok], è necessario portare di più il mento fuori” Così, successivamente l’ho colpito in pieno mento, e cadde a terra. Si è ripreso subito, ma aveva un pezzo di carne, come se gli stesse uscendo dalla bocca. Mi sono sentito infelice. Ma poi, dopo, mi sono sentito tipo “Whoa!” [esaltato].

  • Rob, e tu? Non hai mai messo al tappeto nessuno in un film?

Pattinson: Penso di aver dato un pugno in faccia a qualcuno in Remember me. C’era questo momento in cui mi trovavo a colpire ripetutamente una persona che era a terra, e ho cercato di dirgli, [sussurra] “Mi dispiace, mi dispiace.” Ma non sembra che abbia sentito affatto. [Risate]

Rob, l’ultima volta che abbiamo parlato, tu hai definito Edward una “femminuccia” (figa) – perché lui tiene per tutto il tempo un secchio per il vomito di Bella quando lei è incinta e malata. Pensavo che lo avessi detto in senso metaforico. Poi ho visto il film, ed effettivamente lui è in possesso di un secchio per Bella, quando lei è malata.

Stewart: E non è un comportamento da femminuccia (figa), a mio parere.

Pattinson: Non era quella la parte in cui si comporta da fighetta. La parte da figa era nel resto. La parte da fighetta è …

Lautner: basta dirlo! [Ride]

Stewart: Ragazzi! Non dirlo più! Non dire “parte da fighetta” di nuovo. Questo è molto tipico di una conversazione che avrebbe avuto sul set.

Pattinson: [prendendo in giro se stesso] “!? Non capisco, Bill! Cos’è questo?! Ho intenzione di lasciare il set, se mi fai fare questo comportamento da fighetta …”

Stewart: Il fatto è che stiamo scherzando ora. Questo è tutto uno scherzo. Ma sul set accadeva spesso tutto questo! [Gesti a Pattinson] Avrei voluto ucciderlo a volte. [Guarda affettuosamente Pattinson, che ha appena finito di mangiare un pasticcino] Hai merda su tutto il viso. Sembri un pazzo.

  • Quindi quando vi spostate su progetti diversi, è come iniziare a frequentare una nuova scuola?

Stewart: E’ così tutte le volte. E’ così che ti fa sentire essere in questo business.

Lautner: Quella è la normalità. Twilight è l’anormalità.

Pattinson: Inoltre, grazie alla fama di Twilight, arrivi su un set con una certa familiarità in qualche modo. Le persone ti trattano diversamente.

Stewart: [Sospira] Si è strano. E’ la parte più strana dell’essere “famosi” perchè non devi dare più una prima impressione. Tutti hanno già un’idea di te prima che tu l’incontri.

Pattinson: Quindi ti senti come se dovessi ancora difenderti. In un film hai ancora bisogno di essere amico in modo veloce con le persone, soprattutto il cast, e se non esci con le persone o non socializzi con loro realmente… 

Stewart: E’ dannoso.

  • Taylor, è stato così per te per Abduction?

Lautner: Sì è stato simile. Vuoi iniziare completamente pulito.

  • Qualcuno di voi vorrebbe fare TV?

Pattinson: A me piacerebbe, si. Non sono mai stato così preso come lo sono stato da The Wire. Non ho mai incontrato nessuno di The Wire e penso che semmai dirò a qualcuno — Michael K. Williams o David Simon — Piangerei letteralmente. Interpreterei qualsiasi parte in The Wire semmai ne faranno un’altra serie.

Stewart: Io non vorrei. Quando inizio la produzione in un film — e so di aver usato questa metafora milioni di volte — è come se fossi un bicchiere di Coca agitato. Tutto ciò che voglio è che si faccia, così quanto amo il processo.

  • Vi interessa la produzione o la regia?

Stewart: Ora con Snow White, sto avendo l’esperienza più completa come attrice. Sono vicina al regista [Rupert Sanders], ho il suo orecchio, ed è grazie a lui che mi sento in questo modo perché sto avendo il mio primo assaggio di una vera collaborazione. Normalmente come attore alzi le mani e dici, “Questo non mi riguarda.” Ed io amo recitare. Onestamente, amo vedere il call sheet [foglio su cui sono riportati i nomi del cast ndt] in cui il nome del mio personaggio è sopra il mio vero nome — è per questo che sono qui. Ma è grandioso anche essere ai loro livelli, dare un’opinione ed essere presi seriamente.

  • Quindi cosa vorrete fare prossimamente?

Stewart: Voglio andare a casa. Non vedo l’ora di non lavorare e andare a casa, guadagnando nuovi interessi. [Ride] Voglio vedere cosa mi prende. Voglio capire cosa voglio. Non riesco a rispondere a questa domanda ora, ma non vedo l’ora di essere in grado di farlo.

  • Taylor, ci sono notizie che dicono che tu e Gus Van Sant state facendo gruppo per un film basato su un articolo del The New Yorker che hai acquistato.

Lautner: Si è estremamente prematuro. Amo Gus e sono sempre stato un suo grande fan. Non ho mai pensato di poter avere l’opportunità di lavorare con lui, quindi… beh vedremo.

  • Quindi cosa possiamo sapere?

Lautner: Che sono un grande fan di Gus Van Sant. [Ride]

  • Sarebbe certamente un movimento inaspettato dopo Abduction.

Lautner: Non ho mai voluto fare le stesse cose. Voglio fare qualcosa di diverso. E qualsiasi cosà farò prossimamente, farò qualcosa di diverso dopo quello.

  • E’ dura quando gli altri vostri film, come Abduction o Water For Elephants, non rendono al box office come un film di Twilight?

Stewart: Non puoi mai fare paragoni.

Lautner: Devi solo dire a te stesso che questo è ultraterreno. Devi saper entrarci.

Pattinson: Ci sono due modi per affrontarlo… Voglio dire, non c’è modo che i tuoi film abbiano il massimo successo e abbiano il 100 percento degli elogi critici ogni singolo momento.

Lautner: Giusto.

Pattinson: E’ impossibile. Se stai cercando di vendere un film o un progetto ad uno studio e implichi per un secondo che sei un artista, sei fuori la porta. 

  • Ci sono attori che sembrano in grado di fare sia film indipendenti che grandi film da studio.

Pattinson: Ma quante persone ci sono, che realmente possono farlo?

Stewart: Amico! Quindi tu non pensi che esistano? Ci sono attori fenomenali che fanno sia film commerciali che film piccoli. Catherine Keener! Julianne Moore! Ce ne sono tanti.

Pattinson: Guardati, aspetti solo di contraddirmi.

Stewart: E’ solo che questo è ciò che voglio essere. Quindi se dici che non esistono, è grossa per me! Come dire, è ciò a cui io aspiro e tu stai dicendo che non esiste. Tu non devi scegliere una strada o un’altra.

  • Ci sono attori che decisamente possono fare entrambi.

Stewart: Vero? [Sorride, mette una mano su entrambe le ginocchia Pattinson e Lautner] Forza ragazzi! Vediamo se possiamo farlo.

Intervista completa / Full Interview

imagebam.com imagebam.com imagebam.com

imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com

ENGLISH VERSION / VERSIONE INGLESE

Full transcript thanks StrictlyRobsten

The End Begins

Dude,” says Kristen Stewart. “There was something so sensory about it,” 

An hour ago, Stewart, Taylor Lautner and Robert Pattinson – otherwise known as the stars of The Twilight Saga – had their hand-and footprints immortalized in cement outside of Grauman’s Chinese Theatre in Hollywood. Still giddy, palms stained a faint gray, the 21-year-old actress waxes poetic to her costars for a moment about how it felt when, right after leaving her prints for posterity, she impulsively grabbed Lautner’s and Pattinson’s hands. “the concrete was so gritty and I didn’t even look, I just found your hands and it really felt like something,” she says. The dudes she’s speaking to, being dudes, burst into laughter. Stewart glares at them with mock rage: “You know what? Fuck you both right now in the face for laughing at me.” 

Pattinson, 25, smiles and teases her for how poised she was during the ceremony. “I noticed how slick you were earlier,” he says. “Everyone’s like, ‘Kristen Stewart is so awkward.’ And you’re like, Little Miss Slick nowadays.” 

It’s not just Stewart who has grown up. Breaking Dawn – Part 1 (rated PG-13, in theaters November 18) is the penultimate chapter based on Stephenie Meyer’s best-selling series – and it delves into some startling stuff. (Yes, yes; spoiler alert). In the film, which was directed by Bill Condon (Dream Girls), fans will see their chaste heroes, Bella and Edward marry (!) and finally have sex (!!), which leads to Bella’s life-threatening pregnancy with a half-vampire fetus and a gory birth scene that you’ll just have to see to believe. Now that production on both movies (Part 2 will be in the theaters November 2012) has wrapped, the actors have each officially begun their post-Twilight careers. Lautner, 19, starred in the thrilled Abduction earlier this fall; Pattinson recently wrapped Cosmopolis; and Stewart is on a short breaking from filming next summer’s Snow White and the Huntsman, costarring Charlize Theron and Chris Hemsworth. The trio- relentless in their affectionate teasing – talked to EW over coffee and pastries in Los Angeles.

What has Bill Condon brought to the franchise as a director? 
Kristen Stewart: I think you could feel his heart. Genuinely. It’s so easy to be influenced by cynicism, to take out a lot of the stuff that’s sentimental. Lines have been cut before – I’ve definitely had that experience on Twilight sets and said, “Oh, but that was so sweet.” Bill didn’t do that. He kept it all in. He really got the fucking love story. I think that we lost that for a while, and now it really feels real again.

You’ve seen the finished movie now. Are you disappointed about anything that got trimmed? 
Taylor Lautner: The birth scene, for sure.
Robert Pattinson: Yes, the birth scene – and the sex scene.
Stewart: Both. I wanted more from both of those.
Pattinson: Also, we’ve seen versions of those scenes that are way more –
Stewart: Better.

I’m assuming the PG-13 rating was an issue. 
Pattinson: It just limits things, like camera angles. Also there were these parts in the birth scene where Bella was in pain –
Stewart: That’s what I’m really disappointed about – and I’ve talked about it with Bill. It was more sympathetic or something when I played the scene with less energy, and it made it easier for him to tell the story. But in the book, Bella is screaming, ‘NOOOO” [Stewart stands and demonstrates] And I did like that – crazy and Exorcist-like. I was going for this weird mix of turning into the most feral mother you can imagine and also fighting for my own life. I mean, I was a nutcase. I was an absolute nutcase.
Pattinson: Everyone was just shitting themselves before we did [the birth scene] because it was such a big deal. But I think all three of us felt like it was a great day. To do a take that’s five or six minutes long and feel like you’ve hit every beat…
Lautner: I do still love the birth scene. I know it’s frustrating that some things aren’t in there.
Stewart: Yeah, I still love it too.

Did you get to see any of the love-scene footage before it was sanitized? 
Pattinson: There’s a version where it was really intense.
Stewart: In the book, you don’t see the actual sex, but they talk about it afterwards and it’s intense as hell. [Shooting the scene] wasn’t a full experience because it was so fragmented. We did little individual shots of his face, my face, his hands. Cinematically, cut all together, it’s awesome. I really like it, but we didn’t really do that scene.
Pattinson: And when we did they kept telling us to stop. [laughs]
Stewart: I know! Bill kept going, “Stop thrusting!” [Laughs]…I mean I didn’t actually want to have sex with him on set but….
Pattinson: Why not? [laughs] You can see my butt crack – why does butt crack not make it an R? You see my butt crack the whole time.
Stewart: No, you don’t, They darkened it or something.
Lautner: They shortened it, or I think they erased the crack.
Pattinson: It was really Kristen’s fault it was going R-rated. [To Stewart] Your fancy moves – no one’s seen movies like that in a PG-13 movie! [Laughs] The thing about ratings is, it’s about noises.
Stewart: Like if his thrust coincided with my ohhhh–that’s not okay.
Pattinson: If a sex scene is rated R, the first thing you do is take out the sounds and put music over it. Same thing if there’s a horror scene; you take out the screams.
Lautner: Or in an action scene, if you’re punching someone in the face you take out the sound effect of the fist making contact.
Stewart: I punched Chris Hemsworth in the face last week [while shooting Snow White and the Huntsman]. Gave him a black eye.
Lautner: What? For real? Were you supposed to?
Stewart: I was supposed to miss him.

Have you ever given anyone a black eye before?
Stewart: No. And I have to say for anyone who’s ever been in that situation where, as a girl, you think it’s not going to do anything — it fucking does something.
Lautner: [Laughs] Wow.
Stewart: Yup! He was standing over me, like, Huntsman-ing out, and I just went boom. I spun around. I punched him right out of his close-up! And then I started crying. I felt horrible.
Lautner: Are you kidding me? I know you feel horrible in the moment, but afterwards did you feel kind of good?
Stewart: It felt good in the way, like, I known this [gestures to her fist] works now. I can punch Chris Hemsworth. I can spin that man around! And I didn’t do it as hard as I could [Pattinson and Lautner laugh]
Lautner: I did the same thing on Abduction.
Stewart: You hit someone?
Lautner: Yeah. He went out, though. [To Pattinson] It was actually the guy that played your father in Water for Elephants.
Pattinson: Oh my God!
Stewart: You knocked him unconscious?
Lautner: Yes! And he’s huge. It was just for a split-second. It was one of those last-minute things where the stunt guy came up and says, “Taylor, you need to extend more — Ilia [Volok], you need to stick your chin out more.” The very next take I hit him right in the chin, and he went down to the ground. He came to right away, but he has this chunk of flesh, like, coming out of his mouth. I did feel miserable. But then afterwards is when I felt like, “Whoa!”

Rob, how about you? Have you ever knocked anyone out on film?
Pattinson: I think I punched someone in the face in Remember Me. There was this bit where I was on the floor hitting someone repeatedly, and I kept being like, [whispers] “Sorry, sorry.” But he didn’t seem to feel it at all. [Laughter]

Rob, the last time we talked you called Edward a “pussy” — in part because he carries a bucket around for Bella to vomit in when she’s pregnant and sick. I thought you were just being metaphorical. Then I saw the movie, and you actually do hold a bucket for Bella when she’s sick.
Stewart: And that’s not pussy behavior, in my opinion.
Pattinson: That wasn’t the pussy part of it. The pussy part of it was the other stuff. The pussy part …
Lautner: Just say it! [Laughs]
Stewart: Dude! No more! Do not say “pussy part” again. This is very typical of a conversation we would have on the set.
Pattinson: [Making fun of himself] “I don’t understand, Bill! What is this? I’m going to leave the set if you make me do this pussy part behavior…”
Stewart: The thing is, we’re joking now. This is all in jest. But on set this always went on! [Gestures to Pattinson] I could kill him sometimes. [Looks affectionately at Pattinson, who just finished eating a piece of pastry] You’ve got shit all over your face. You look like a fool.

So now that you’ve moved on to different projects, does it feel like starting at a new school?
Stewart: It’s like that all the time. That’s what being in this business feels like.
Lautner: That;s the normal thing. Twilight is the unnormal.
Pattinson: Also, because of the Twilight fame, you arrive on a set with a certain familiarity anyway. People will treat you differently.
Stewart: [Sighs] Yeah, it’s weird. It’s the strangest part of being “famous” because you don’t get to give first impressions anymore. Everyone already has an impression of you before you meet them.
Pattinson: So you feel like you’re already defending yourself. Also you need to become fast friends with people on a movie, especially the cast, and if you can’t go out with people or socialize with them in a real way …
Stewart: It’s harmful.

Taylor, was that true for you on Abduction?
Lautner: Yeah, it was similar. You do want to start completely clean.

Would any of you ever do TV?
Pattinson: I would, yeah. I’ve never been as invested as I was with The Wire. I’ve never met anyone from The Wire and I think if I ever say anyone — Michael K. Williams or David Simon — I would literally cry. I would play every part in The Wire if they ever did another series.
Stewart: I wouldn’t want to. When I start production on a film — and I know I’ve used this metaphor a million times — but it’s like I’m a shook-up can of Coke. All I want is to be done, as much as I love the process.

Does producing or directing interest you?
Stewart: Right now on Snow White, I’m having the most fulfilling experience as an actor. I’m close with the director [Rupert Sanders], have his ear, and it’s to his credit that I feel this way because I’m getting my first taste of really collaborating. Usually as an actor you put your hands up and go, “That’s not my thing.” And I love acting. Honestly, I love looking at the call sheet where it says my character’s name above my name — that’s what I’m here for. But it’s also so cool to be on their level, to give an opinion and be taken seriously.

So what do you want to do next?
Stewart: I want to go home. I can’t wait to not be working and go home and gain some interests. [Laughs] I want to see what I’m into. I want to figure out what I want. I can’t answer this question right now, but I can’t wait to be able to.

Taylor, there have been reports that you and Gus Van Sant are teaming for a movie based on an article in The New Yorker that you acquired.
Lautner: It’s extremely premature. I love Gus and have always been a huge fan of his. I never thought I’d have an opportunity to work with him so, … we’ll see.

So what are we allowed to know?
Lautner: That I’m a huge Gus Van Sant fan. [Laughs]

It certainly would be an unexpected move after Abduction.
Lautner: I never want to do the same thing. I want to so something different. And whatever I end up doing next, I’ll want to do something different after that.

Is it hard when your other films, like Abduction or Water for Elephants, don’t perform at the box office like a Twilight movie?
Stewart: You can’t ever compare.
Lautner: You just have to tell yourself this is otherworldly. You’ve got to know that going in.
Pattinson: There are two ways to go about it … I mean, there’s no way to have your movies be massively successful and get 100 percent of the critical praise every single time.
Lautner: Right.
Pattinson: It’s impossible. If you’re trying to sell a movie or a project to a studio and you imply for one second that you’re an artist, you’re out the door.

There are actors who seem to be able to do both indie films and big studio films.
Pattinson: But how many people are there, really who can do that?
Stewart: Dude! So you don’t think they exist? There are phenomenal acts that do both commercial movies and small ones. Catherine Keener! Julianne Moore! There are lots.
Pattinson: Look at you, just waiting to contradict me.
Stewart: It’s just that this is what I want to be. So if you say it doesn’t exist, that’s big for me! Like, that’s all I aspire to and you are saying it doesn’t exist. You don’t have to choose one road or another

There are definitely actors who can do both.
Stewart: Right? [She grins, putting a hand on both Pattinson’s and Lautner’s knees] C’mon, guys! Let’s see if we can do this.

LQ Scans

imagebam.com imagebam.com imagebam.com

Via

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...